menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

Sei già registrato? Accedi:

torna al menu di scelta rapida

Contributi

Contributi per OT 5 - Promuovere l’adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi

trovati
2
pagina
1
di
1

Inviato da Valerio De Baggis (ANCE LAZIO-URCEL) - Roma - il 05/06/2014 13.12.53

5.1 Riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera
5.1.2 Manutenzione straordinaria del reticolo idraulico, delle reti di scolo e sollevamento acque, laminazione delle piene e stabilizzazione delle pendici, utilizzando, ove possibile, infrastrutture verdi

obiettivi specifici

Considerazioni analoghe a quelle già sviluppate per l’azione n. 5.1.1 valgono anche per questa azione.

policy e suggerimenti

Si deve aggiungere che la corretta gestione e manutenzione della rete idraulica del territorio è indubbiamente basilare per la sicurezza dello stesso e, quindi, anche in questo caso dovranno essere realizzati sia interventi di breve periodo, per le urgenze e le situazioni di maggiore degrado, sia interventi di medio-lungo periodo, inseriti in una programmazione omogenea e integrata.

Inviato da Valerio De Baggis (ANCE LAZIO-URCEL) - Roma - il 05/06/2014 13.11.48

5.1 Riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera
5.1.1 Interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza delle infrastrutture nei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione costiera

obiettivi specifici

Gli eventi drammatici che hanno interessato negli ultimi anni la cronaca della nostra Regione e di tutto il territorio italiano, hanno dimostrato che è necessario realizzare degli interventi rilevanti per la messa in sicurezza del territorio e, quindi, della popolazione.
Inoltre, è importante che al tavolo di Partenariato siano stati proposti “interventi contro il rischio geologico e idrogeologico”, per “il ripascimento delle spiagge e la tutela le coste”, nonché per “la valorizzazione recupero ambientale del sistema fluviale del Tevere”. Si tratta di interventi fondamentali per la gestione del territorio del Lazio in termini di tutela e di riqualificazione.

policy e suggerimenti

Accanto a interventi di estrema urgenza che devono essere realizzati in tempi brevi, è però necessario realizzare una programmazione integrata nel medio e lungo periodo, per evitare che situazioni oggi preoccupanti non divengano poi critiche. E’ necessario, cioè, realizzare un’ottica di manutenzione ordinaria e costante e non solo di intervento riparatorio dopo che la calamità si è verificata. Quest’ottica, per varie ragioni, è purtroppo mancata in questi anni.
In una logica di forte coordinamento dei programmi è essenziale che vengano previsti investimenti consistenti e che le risorse siano concentrate soprattutto sulle situazioni di rischio più evidente, determinate, come detto, spesso da carenze pluriennali di manutenzione del territorio, quali quelle che hanno causato gli eventi disastrosi più recenti, con rilevanti conseguenze anche dal punto di vista sociale ed economico per le popolazioni.