menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

Sei già registrato? Accedi:

torna al menu di scelta rapida

Contributi

Contributi per OT 3 - Promuovere la competitività delle PMI, il settore agricolo e il settore della pesca e dell’acquacoltura

3.4 Incremento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi

3.4.2 Incentivi all’acquisto di servizi di supporto all’internazionalizzazione in favore delle PMI [Lo strumento prioritario con cui si prevede di finanziare l’acquisto di questi servizi è l’emissione di voucher di importo limitato, che raggiungano un elevato numero di imprese anche grazie ai bassi oneri amministrativi che impongono]
trovati
1
pagina
1
di
1

Inviato da Carmelo (Interporto Centro Italia Orte S.p.A.) - Orte - il 26/05/2014 17.21.23

obiettivi specifici

Le attuali norme vigenti in materia fiscale sia a livello nazionale che a livello europeo, prevedono l’applicazione del principio di territorialità che si esplicita nel luogo di produzione del bene o di entrata nel territorio dell’Unione Europea nel caso esso sia prodotto all’estero.
Le imprese laziali importatrici di materie prime, semilavorati e prodotti finiti sdoganano solamente una minima parte delle intere importazioni all’interno del territorio regionale, con grave danno erariale per la Regione Lazio e, spesso, per lo stesso Stato italiano.
Altre regioni italiane, come ad esempio l’Umbria, hanno già attuato misure di incentivazione per le imprese locali atte a favorire l’espletamento delle procedure doganali all’interno del territorio regionale.
Le strutture doganali oggi operative nel Lazio, non offrono i servizi innovativi di ultima generazione che il mercato richiede.
La dogana interna all’Interporto Centro Italia Orte sta sviluppando in tal senso un progetto pilota altamente innovativo che vede coinvolti la Regione Lazio, l’Interporto di Orte e Roma Terminal Container (Porto di Civitavecchia) stanno implementando in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e la Soc. Uirnet S.p.A..
Il Progetto è finalizzato all’implementazione di un corridoio doganale protetto per le merci abbinato al servizio di pre-clearing per le navi con destino Civitavecchia.
Ciò comporterà la possibilità di ridurre drasticamente i tempi, e quindi i costi, necessari all’espletamento delle procedure di sbarco e doganali per i container in arrivo ed in partenza da Civitavecchia.
Gli interventi proposti si articolano, pertanto in:
1. Realizzazione delle infrastrutture hardware e software necessarie all’avvio del servizio di pre-clearing e di corridoio doganale protetto tra il porto di Civitavecchia e l’Interporto Centro Italia Orte, realizzando tutte le dotazioni gestionali e di sicurezza che l’operazione richiede.
2. Creazione di un fondo di incentivazione per le imprese laziali che destinano ad un punto doganale laziale l’espletamento delle procedure di nazionalizzazione dei beni importati da paesi terzi.
Intervento 1:
a. Soggetto Beneficiario, Concedente e Richiedente: Regione Lazio
b. Soggetto Attuatore e Progettazione: Interporto Centro Italia Orte S.p.A. (Concessionario della Regione Lazio).
Intervento 2:
a. Soggetto Attuatore: Regione Lazio;
b. Beneficiario: Imprese Laziali del settore Commercio, Industria e Agroalimentare.

policy e suggerimenti

L’attuazione dei due interventi comporterà per le imprese laziali di tutti i comparti produttivi, agricoli e commerciali un miglioramento significativo delle performance di internazionalizzazione (sia import che export) e una drastica riduzione dei costi per l’espletamento di tali attività.
Inoltre si otterrà un incremento delle entrate erariali per la Regione Lazio, che potrà destinare tali fondi anche al miglioramento delle infrastrutture portuali ed interportuali esistenti.