menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

Sei già registrato? Accedi:

torna al menu di scelta rapida

Contributi

Contributi per OT 2 - Migliorare l'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, nonché l'impiego e la qualità delle medesime

2.1 Riduzione dei divari digitali nei territori e diffusione di connettività in banda larga e ultra larga coerentemente con gli obiettivi fissati al 2020 dalla "Digital Agenda" europea

2.1.1 Contributo all’attuazione del “Progetto Strategico Agenda Digitale per la Banda Ultra Larga” e di altri interventi programmati per assicurare nei territori una capacità di connessione a almeno 30 Mbps, accelerandone l’attuazione nelle aree produttive, nelle aree rurali e interne , rispettando il principio di neutralità tecnologica nelle aree consentite dalla normativa comunitaria.
trovati
1
pagina
1
di
1

Inviato da Giuseppe Di Battista (Universita' Roma Tre) - Roma - il 23/05/2014 09.59.44

obiettivi specifici

Diffusione e adozione, da parte di imprese della Regione Lazio operanti nel settore della realizzazione di infrastrutture e servizi di networking, di tecnologie basate su Software Defined Networks (SDN).

policy e suggerimenti

Nel prossimo futuro varie proiezioni di mercato indicano che la tecnologia SDN è destinata a rimpiazzare rapidamente le attuali tecnologie di networking.
In particolare (dati della comunità SDN Central, confermati da Plexxi e da Lightspeed Venture Partners) l’adozione di tecnologie SDN è salita, in termini di fatturato, da 10 milioni di dollari nel 2007 a 252 milioni di dollari nel 2013. Inoltre il finanziamento da parte di venture capital di società SDN-related è passato da 10 milioni di dollari nel 2007 a 454 milioni di dollari nel 2012. La previsione di fatturato al 2018 del mercato SDN mondiale è di 35 miliardi di dollari per anno (http://www.sdncentral.com/sdn-market-sizing-2013-april/).
Le tecnologie SDN, grazie alla loro flessibilità d’impiego, sono particolarmente adatte per la realizzazione degli accessi di rete nelle aree più svantaggiate e soggette a digital divide.
Sarebbe oltremodo sfavorevole per l’economia della Regione che le aziende in essa operanti rimanessero tagliate fuori dalla diffusione e dallo sfruttamento di questa tecnologia, con evidenti ricadute in termini di perdita di competitività.